Cookies: Questo sito utilizza cookies indispensabili per il suo funzionamento, di profilazione prima parte e cookies di terze parti.
Cliccando su ACCETTA I COOKIES, utilizzando questo sito, scorrendo questa pagina, o registrandoti, presti il consenso all'uso dei cookies.
Per saperne di più clicca qui.

ACCETTA I COOKIES

Le Ultime dal Blog

Tecniche per Commercialista: significato e ambito applicativo della leva operativa

Il significato di leva operativa è di grande impatto per il lavoro del dottore commercialista. Si consideri ad esempio uno studio che esamini una azienda con tre differenti scenari di struttura di costi (o, se preferite, tre diverse aziende).

Supponiamo di poter confrontare le tre differenti aziende – oppure i tre differenti scenari della stessa azienda – denominandoli in modo diverso, in funzione della struttura tipica dei costi. Potremmo avere uno scenario con livello di costi fissi medio, uno con livello altro ed il terzo con livello basso. Infine, consideriamo lo stesso livello di budget dei ricavi, e lo stesso livello di reddito operativo di partenza.

In altri termini, dato un certo margine di contribuzione (cioè la differenza tra ricavi totali e costi totali), si supponga di costruire il modello di confronto in modo che il reddito operativo sia uguale nei tre scenari.

Ora, la domanda interessante, quando si predispone un budget per l’impresa (o magari un business plan per la banca), è capire quale sia l’effetto della leva operativa nei tre differenti scenari, a parità di livello di budget di partenza e a parità di livello di ricavi atteso.

 

I contenuti del nostro modello

Quanto sopra ipotizzato è il classico caso di consulenza aziendale, ovviamente partendo da un caso ipotetico. E’ importante capire che la leva operativa opera in modo inversamente proporzionale al livello dei costi variabili (e direttamente proporzionale a quello dei costi fissi).

La leva operativa, che può essere espressa in valore assoluto o percentuale, muove da un concetto di tasso atteso di variazione, rispettivamente del reddito operativo al variare delle quantità prodotte.

In altro termine, misura la variazione attesa sul reddito operativo al variare delle quantità. Questo pone alcune domande di tipo operativo:

Qual è il livello di leva operativa nei 3 scenari (ad alto e basso volume di produzione)?

Qual è il correlato livello di costi fissi (basso, medio, alto)?

Qual è il correlato livello di leva operativa (basso, medio, alto)?

Qual è il correlato impatto sul reddito operativo (basso, medio, alto)?

Osserviamo che il livello di Leva Operativa è dipendente dal livello di costi fissi, e che condiziona in modo diretto il livello atteso del reddito operativo. Non solo: l’ordine dei risultati sul reddito operativo segue la Leva Operativa (indipendentemente dal livello dei volumi nei differenti scenari).

 

I video

Ho preparato una serie di video per meglio spiegarti i concetti espressi in questo articolo.

Eccoli qui sotto, approfittane.

 

 

Conclusione

Molti lettori dottori Commercialisti, talvolta sottovalutano l’importanza di una analisi preliminare della struttura dei costi aziendali, prima di proseguire con altre valutazioni (per esempio la costruzione di un business plan).

Tale approccio non è corretto, perché trascura gli effetti che una diversa configurazione di costo aziendale può produrre, al variare dei volumi del piano, sul risultato operativo atteso.

Non solo, occorre considerare la duplice valenza della leva operativa.

La leva operativa, infatti, funziona in entrambi i sensi, amplificando o riducendo il reddito operativo; al crescere o al decrescere delle quantità, una leva operativa alta massimizza gli effetti, positivi o negativi.

Al contrario, una leva operativa bassa ne minimizza gli effetti in entrambe le direzioni, mentre una leva operativa media, ovviamente, si collocherà nella fascia mediana dei risultati attesi.

Tali considerazioni preliminari possono essere fondamentali nelle scelte gestionali delle aziende clienti, anche e soprattutto in epoca pandemica, poiché il sistema bancario presta grande attenzione a tali dinamiche e considera, nella propria valutazione di rating, anche tali variabili.

La loro conoscenza è quindi utile alla professione del dottore Commercialista e a una corretta dinamica di consulenza tra lo studio professionale e l’impresa cliente.

Vi aspetto per una lezione di prova gratuita al corso MasterBANK

Ti è piaciuto? Condividi l'articolo!