Cookies: Questo sito utilizza cookies indispensabili per il suo funzionamento, di profilazione prima parte e cookies di terze parti.
Cliccando su ACCETTA I COOKIES, utilizzando questo sito, scorrendo questa pagina, o registrandoti, presti il consenso all'uso dei cookies.
Per saperne di più clicca qui.

ACCETTA I COOKIES

Le Ultime dal Blog

La semplicità del corso MasterBANK

In un precedente articolo ho scritto del tema della rapidità ed efficienza della risposta, come requisito fondamentale per una consulenza in epoca COVID. Tale approccio è possibile solo avendo a disposizione strumenti di ausilio del libero professionista, che lo liberino dall’adempimento di continui calcoli e riformulazioni di ipotesi.

Per esempio, è certamente semplice, per un Commercialista, inserire in un proprio piano di calcolo dati banali come l’utile di bilancio, oppure il fatturato di una azienda bisognosa della sua consulenza. Ma cosa mi direste del calcolo del Capitale Investito Netto? Oppure del calcolo del tempo medio di ciclo finanziario? Tali indicatori, fondamentali per la consulenza finanziaria, non sono di calcolo immediato, né di immediata reperibilità nel bilancio di esercizio.

Ecco che allora dotarsi di uno strumento, proprietario, installato sul proprio personal computer, consente al professionista di muoversi con la propria valigetta e il proprio personal computer all’interno.

Parlo di un “normale” foglio di lavoro elettronico, del quale però il professionista conosca a menadito le formule, aperte e a sua disposizione. Solo così, riuscirà a rispondere ai propri clienti con quella sicumera che mai l’uso di un software chiuso potrà garantirgli. Sono sicuro che qualsiasi professionista mi legga capirà benissimo cosa io voglia dire, poiché nulla è più spiacevole che non sentirsi a proprio agio di fronte a un imprenditore cliente.

Per riuscire a calcolare, in tempo reale, davanti al cliente, informazioni finanziarie come quelle appena accennate, occorre quindi avere modelli in grado di riscrivere prontamente un bilancio in chiave finanziaria, cioè con una riclassificazione funzionale. Solo riscrivendo, per esempio, un bilancio in un modello internazionale a quattro quadranti, riusciremo immediatamente ad avere informazioni fondamentali per dialogare con un sistema di rating interno di una banca, come per esempio il valore del leverage finanziario.

 

Il mio sistema MasterBANK

Di qui, il corso MasterBANK © non è stato pensato come un corso di formazione, bensì nasce da mie esperienze professionali, per rispondere alle medesime esigenze che avevo anche io come consulente. La praticità e la semplicità della risposta erano i miei due valori generali di riferimento.

Vuoi vedere un caso pratico?

In questo articolo rispondo quindi alla domanda che molti commercialisti mi fanno: ma è difficile?

Ovviamente, sto parlando a Commercialisti, solitamente affermati, che hanno uno studio da mandare avanti, dipendenti da pagare, clienti ai quali rispondere e scadenze che li assillano. Non sto scrivendo per giovani studenti universitari, come quelli che mi trovo davanti da tanti anni nelle aule dove insegno. Proprio per tale ragione, la mia risposta è netta:

no, non è difficile.

Tutti i miei modelli sono automatici, e dal punto di vista tecnico richiedono semplicemente l’imputazione dei dati in apposite celle di inserimento. Tutto il lavoro lo svolge il modello e, in tal senso, anche un bambino lo saprebbe usare.

La difficoltà è stata la mia, nello sviluppare una soluzione automatica che, per taluni di questi modelli, ha necessitato di anni ed anni di sviluppo, miglioramento, testing. Quindi, per un Commercialista, è a mio parere una manna dal cielo la possibilità di evitarsi tutta la fatica che io feci per risolvere problemi di consulenza di non banale soluzione, e che oggi voi potete trovare già risolti.

Gli automatismi consentono al professionista una analisi approfondita del caso e all’imprenditore di avere dal consulente risposte ragionate, efficienti e rapide. Cosa voglia dire dal punto di vista dell’immagine, del prestigio e della conseguente remunerazione lo lascio al vostro prudente apprezzamento.

Voglio invece aggiungere che tale approccio non sia affatto semplicistico, poiché risponde alla migliore dottrina, al rigore scientifico e alla miglior prassi professionale. Ciò che invece tutti i commercialisti che hanno seguito i miei corsi mi riconoscono pubblicamente – potete ascoltare le loro testimonianze o interpellarli tranquillamente – è la semplicità della mia trattazione e dei miei strumenti. Ad esempio, per formulare un giudizio preliminare di consulenza servono tre elementi di base: indicatori di tipo finanziario, equilibri e ratio (rapporti).

Il motore dei miei modelli consente così al Commercialista di disporre di strumenti di consulenza che sono rapidi, efficaci e semplici. Ciò consente di formulare una comprensione immediata del caso e di sviluppare attività di consulenza evolute e a diversi gradi di crescente e graduale complessità.

Per farlo, serve solo la voglia di apprendere e un minimo di interesse alla materia; io credo siano caratteristiche ampiamente diffuse nella categoria del Commercialista, che è un professionista abituato al rigore, all’approfondimento, allo studio. Non credo che inserire propri bilanci o bilanci dei propri clienti in un modello già pronto, per verificare come funzionino praticamente questi modelli, sia una fatica insormontabile. Sono certo invece che per molti Commercialisti miei ex allievi sia stato quasi un gioco, un divertimento e una scoperta divertente.

Tutto ciò conduce il professionista a un continuo miglioramento, con quella umiltà propria del detto socratico: so di non sapere. Io stesso lo pratico da tanti anni, e quando studio, ricerco e apprendo mi sento certamente in crescita, più di quanto non mi succeda quando io spiego. Proprio così si diventa professionisti bravi, sicuri dei propri mezzi e ricercati dal mercato.

Quindi, se mi chiedete se il corso sia difficile, io penso che la risposta sia, sinceramente; no (trovate tutte le informazioni sul corso sul sito www.masterbank.it).

Del resto, trovarsi in un ambiente non competitivo ma collaborativo, fatto di altri professionisti che vengono da tutta Italia, che sanno di studiare insieme in logica di rete, di squadra, per andare a far fatture insieme sui clienti che ogni giorno chiedono la mia consulenza, sia una cosa positiva e renda il clima di apprendimento giocoso e salutare. Io ho creato da anni una logica di rete perché, semplicemente, mi è impossibile affrontare un progetto di dimensione nazionale da solo, e sta funzionando benissimo in termini di consulenza la rete professionale dei Finanzialisti (i Commercialisti che hanno completato il percorso MasterBANK).

La sfida non è quella di trovare il tempo di studiare, ma di trovare il tempo di smetterla di divertirsi, sapendo di non essere più ragazzi, ma forse, proprio per questo, di sapere che nella vita – non è retorica – non si finisce mai di crescere.

Vi invito a visitare il sito www.masterbank.it per avere informazioni precise sul corso MasterBANK e su come accedere alla professione del Finanzialista.

Ti è piaciuto? Condividi l'articolo!