Cookies: Questo sito utilizza cookies indispensabili per il suo funzionamento, di profilazione prima parte e cookies di terze parti.
Cliccando su ACCETTA I COOKIES, utilizzando questo sito, scorrendo questa pagina, o registrandoti, presti il consenso all'uso dei cookies.
Per saperne di più clicca qui.

ACCETTA I COOKIES

Le Ultime dal Blog

Come il Commercialista può fare un’analisi finanziaria professionale

Il dottore Commercialista si trova a vivere in un mondo nel quale occorre evolvere, prima di perdere clienti e, soprattutto, per continuare a incassare le fatture. Uno dei temi di maggiore interesse è l’analisi finanziaria professionale del bilancio.

No, non si tratta del tema dell’analisi di bilancio che tutti abbiamo studiato all’università o nei vari corsi professionali, ma di dotare lo studio degli stessi modelli di analisi tipici degli intermediari finanziari. Cosa la contraddistingue?

 

Come impostare un’analisi finanziaria professionale

Intanto, il primo passaggio è quello di comprendere perché le grandezze contabili non sono adatte alla valutazione degli investimenti. Si tratta di un doppio significato:

  • Non sono adatte agli investimenti delle vostre aziende clienti
  • Non sono adatte agli investimenti delle banche

Con particolare riguardo al secondo aspetto, se il dottore Commercialista non sa scrivere il bilancio e le relazioni di accompagnamento in modo da agevolare la comprensione aziendale, allora le banche non daranno il credito alle imprese clienti. Prima ancora di questo, non sarà possibile fare analisi di redditività finanziaria aziendale.

In poche parole, l’impresa cliente sarà fuori mercato.

Intanto, occorre passare alla logica del fabbisogno finanziario soddisfatto. Di qui, si deve passare dalla logica di lettura degli investimenti in logica per competenza alla logica per cassa. Non è affatto semplice, poiché la prima domanda è: quali, flussi di cassa.

Il rendiconto finanziario redatto dall’analisi ne dovrà fare emergere 4:

  1. Current cash flow
  2. Operating cash flow
  3. Unlevered cash flow
  4. Free cash flow

Quest’ultima grandezza dovrà coincidere, se l’analisi professionale è corretta, con il delta cassa dello Stato Patrimoniale.

Inoltre, il free cash flow e gli unlevered cash flow dovranno coincidere in valore assoluto, ma divergere come segno.

La quadratura del conto economico dovrà essere effettuata evidenziando EBITDA, EBIT e EBT. La quadratura di stato patrimoniale dovrà distinguere le poste operative e quelle finanziarie, ed evidenziare la PFN (posizione finanziaria netta) e la sua variazione.

I blocchi logici del modello dovranno essere sviluppati in quattro parti.

  • La prima, dovrà evidenziare la cassa prodotta dal conto economico così riclassificato (current cash flow).
  • La seconda, dovrà tener conto delle variazioni del net working capital e dei fixed assets, dal lato patrimoniale, considerando sia le componenti operative che straordinarie (operating cash flow e unlevered cash flow).
  • La terza, dovrà misurare le variazioni della gestione finanziaria netta, lo scudo fiscale del debito, le variazioni di debito e di patrimonio (free cash flow).
  • La quarta, dovrà dimostrare le due quadrature sopra citate, e cioè la conformità del delta cassa coi free cash flow e il pareggio in valore assoluto degli unlevered cash flow e del financial flow.

 

I video

Ho preparato una serie di video per meglio spiegarti i concetti espressi in questo articolo.

Eccoli qui sotto, approfittane.

 

Conclusione

Perché dunque un dottore Commercialista dovrebbe arricchire il rpoprio ordinario lavoro sul bilancio di esercizio con elementi di finanziamenti d’azienda? La ragione è semplice: esiste uno spazio di consulenza molto ampio e non coperto in questo settore, e le aziende ne avranno presto bisogno.

L’altro giorno, un Commercialista di Torino, mio ex allievo del Corso Masterbank ©, mi diceva di essere stanco di lavorare sugli adempimenti, salvo poi scoprire che i politici si fanno belli per i risultati ottenuti dall’agenzia delle entrate, grazie al suo lavoro.

L’altra settimana, in una cena con miei ex allievi dottori Commercialisti a Roma, un cadetto finanzialista (cioè un Commercialista aspirante frequentante del Corso), mi faceva notare che questi argomenti sono ancora un tabù per molti piccoli clienti, che gli chiedono “come fare a pagar meno IVA”.

Non commento la richiesta.

Mi limito ad osservare, come ho fatto al vostro collega, che gli imprenditori scopriranno presto, sulla propria pelle, di come stia velocemente cambiando il sistema finanziario, e di come avranno bisogno di ben altre esigenze consulenziali da voi.

Peraltro, segnalo che, là fuori, sono a migliaia le piccole  e micro imprese che, anche nella vostra zona – ne sono sicuro –  non conoscono questi argomenti, e hanno bisogno di questa consulenza. Non è necessario abbandonare per forza la vita degli adempimenti.

Tuttavia, un uomo libero, può decidere di aggiungere altri interessi alla propri vita ordinaria.

Non solo per fatturare; per tornare a essere un libero professionista.

Ti è piaciuto? Condividi l'articolo!